Pensi fuori dagli schemi?

ECLECTIC STYLE

Ti piace pensare fuori dagli schemi quando si tratta di decorare gli spazi? Magari persino pensare a nuovi usi per gli oggetti tradizionali? Forse ti diverti ad incorporare oggetti provenienti dai tuoi viaggi a casa tua per ricordarti le tue fughe preferite. Se è così, in realtà hai un gusto – si chiama stile eclettico.

Sebbene la parola “eclettico” sia in circolazione da molto tempo, solo di recente è diventata nota come stile di decorazione. La decorazione in stile eclettico iniziò con le belle arti e l’architettura quando i pionieri si vantavano di non aderire a uno stile particolare, quindi si dedicavano a fare le proprie cose.

Tuttavia, il loro lavoro ebbe un tale successo che il loro piano sembra essersi ritorto contro, e questi pionieri in realtà diedero vita a quello che divenne noto come lo stile eclettico della decorazione.

Lo stile eclettico è un mix funky: una persona a cui piace uno stile eclettico non aderisce a uno stile decorativo, ma sceglie invece quello che ritiene sia il “migliore” di alcuni particolari stili di decorazione. Quindi incorporano questi elementi nella loro casa. Molte persone a cui piace l’arredamento eclettico possono essere eclettiche, non adattarsi a nessuno stereotipo o gruppo. A queste persone piace quello che piace, dal punto di vista dell’arredamento, e non hanno paura di mettere tutto lì fuori – anche se va contro stili più popolari di decorazione, come il contemporaneo.

Ma il vero stile eclettico è un modo molto creativo e ben congegnato di decorare.

Si deve pensare allo stile eclettico come un prestito di vari stili mentre si crea uno sguardo coeso attraverso il colore, la consistenza e la forma. Una buona definizione di stile eclettico è “un’accurata raccolta di elementi interessanti che funzionano tutti insieme”. In realtà, non si tratta solo di mettere insieme le cose, anche se l’aspetto include elementi che potrebbero non essere omogenei.

Caratteristiche tipiche di uno spazio di stile eclettico sono quindi: il mix di periodi e stili, i colori di sfondo neutri; l’uso inaspettato di materiali e/o articoli; l’unicità nell’arte e nell’arredamento, un “collante” dato da pattern, forma, trama, finitura o colore. Tutto ha il suo posto, ma può sembrare disordinato, il vecchio mescolato con nuovo con una celebrazione dei contrasti.